Il tema che attraversa per intero il numero 6 di Oltre, compenetrandolo in ogni sua riga, è di quelli tosti. Di quelli che solitamente trattano filosofi ed intellettuali dal palato fino. Eppure, come potrete incontrarlo qui, è semplice e immediato. Un respiro. Semplice come un respiro. Il nostro grande tema è l’unità del sapere. Che poi significa l’unità della vita. Se c’è una cosa che è interessante nella vicenda educativa della Karis è questa unità vissuta del particolare con il tutto. E’ desiderata, agognata, bramata. Ma di più. E’ guardata. Ce lo spiega bene don Carlo Rusconi: l’unità del sapere c’è se si guarda l’unità dell’essere. Che è lì. Di fronte a te. Lo rimarca John Waters: c’è un grido in ogni espressione umana. Fidiamoci di questo grido, anche nella sua forma più scomposta e irruente, ricorda. Anzi, proprio lì, proprio in quell’esplosione violenta di energia (il rock) troviamo quanto ha spinto l’uomo a filosofare, a cercare la bellezza, a indagare la realtà. Ma ce lo spiegano soprattutto i nostri ragazzi che, divenuti grandi, ovvero liceali, mettono in piedi cose grandi. Affermano la loro voglia di essere e di esserci per intero. Affermano una fame di sapere, intesa come fame di vita. Rinasce così, senza alcuna risorsa, il teatro e arriva a parlare alla città intera, fatto significativo e rivoluzionario per una Rimini un po’ stanca e un po’ scettica. Come rischiamo di esserlo noi, quando non ci accorgiamo più che le cose esistono. Come dice una nostra alunna, dopo essersi immersa nella persona di Chesterton, “l’importante è fare le cose amando”, inconsapevole parafrasi del titolo della mostra su S.Agostino, con cui si è implicata la nostra scuola: “Si conosce solo ciò che si ama”. Forse qui, in questa passione accesa, in questo impeto incontenibile eppure costruttivo, creativo, fecondo, si svela il segreto dell’unità del sapere. E occorre dire grazie ai nostri ragazzi per avercelo testimoniato ancora una volta con il loro semplice entrare in classe, pieni di una domanda di vita.   (Emanuele Polverelli)

L'unità del sapere